La Casta vuole altri soldi (da noi), ecco la super fondazione che ci costerà 5 milioni di euro

 

 I rimborsi ai partiti esistono ancora, anche se Enrico Letta vuole tagliare e controllare. Non vi preoccupate: a luglio sarà staccato il primo assegno per la prima rata a chi l’ha chiesto: tutti, tranne il Movimento Cinque Stelle. La torta di 91 milioni – tra spese per la campagna elettorale e finanziamenti ai gruppi – sarà divisa per porzioni più grosse.

   

PER VEDERE ED EVENTUALMENTE PERFIRMARE LA PETIZIONE DIGITA QUI-  PETIZIONE AL PARLAMENTO ITALIANO 

 

 

La Casta vuole altri soldi (da noi), ecco la super fondazione che ci costerà 5 milioni di euro

Una proposta di legge di Pd, Pdl, Scelta Civica e Sel chiede la fondazione dell'”Istituto per la storia politica italiana”. Costo? 1,5 milioni all’anno

Il Parlamento

 

 

La Casta non muore mai. Il finanziamento pubblico ai partiti è stato abolito. Allora dal Palazzo si danno un gran da fare per trovare una soluzione. Così ecco che arriva una proprosta di legge per portare nelle tasche dei partiti e delle loro fondazioni un bel bottino da 5 milioni di euro. L’obiettivo è quello di costituire un “Istituto per la storia politica della Repubblica italiana”, con lo scopo di “salvaguardare e valorizzare i documenti storici dei partiti politici”. Per il suo lancio si prevede un finanziamento di 4,5 milioni di euro nei primi tre anni. Ai quali si

 

La Casta non muore mai. Il finanziamento pubblico ai partiti è stato abolito. Allora dal Palazzo si danno un gran da fare per trovare una soluzione. Così ecco che arriva una proprosta di legge per portare nelle tasche dei partiti e delle loro fondazioni un bel bottino da 5 milioni di euro. L’obiettivo è quello di costituire un “Istituto per la storia politica della Repubblica italiana”, con lo scopo di “salvaguardare e valorizzare i documenti storici dei partiti politici”. Per il suo lancio si prevede un finanziamento di 4,5 milioni di euro nei primi tre anni. Ai quali si aggiungono 500 mila euro di dotazione iniziale più altri e indefiniti “contributi dello stato e di enti pubblici”.

Tutti d’accordo –  La proposta di legge è stata firmata da parlamentari di tutti gli schieramenti. Uomini di Pd, Pdl, Scelta Civica e Sel sono tutti d’accordo sull’Istituto per la storia politica. A gestire i fondi saranno tutte le più grandi fondazioni che alla larga fanno riferimento ai vari partiti del panorama politico. Quelle citatte nel disegno di legge sono: “Istituto Luigi Sturzo, la Fondazione istituto Gramsci, la Fondazione Filippo Turati, la Fondazione Luigi Einaudi, la Fondazione Ugo La Malfa e la Fondazione Ugo Spirito”. Insomma sta per nascere, a spese nostre, una maxi-fondazione gestita dalle fondazioni. Sembra un gioco di parole, ma è la realtà della proprosta di legge. 

Poltrone e assunzioni 
– L’Istituto, oltre ad essere finanziato con fondi pubblici, prevede anche un piano di assunzioni. Insomma altre poltrone che si aggiungono a quelle già esistenti. La proposta di legge su questo puntom è molto chiara: “Nelle strutture dell’Istituto opera personale tecnico e amministrativo dipendente dal medesimo Istituto nonché personale scientifico proveniente da università o altri enti pubblici o privati, nazionali e stranieri, autorizzato a prestare servizio presso l’Istituto sulla base di convenzioni. Il personale scientifico è costituito da professori e da ricercatori che svolgono i propri compiti di ricerca presso le strutture dell’Istituto previa autorizzazione dell’ente di appartenenza”.

Il conto salato –  Infine ecco che arriva il punto più ghiotto: i fondi per l’Istituto: “Per la costituzione dell’Istituto e l’avvio delle sue attività è previsto un finanziamento statale di importo pari a 1,5 milioni di euro per ciascun anno del primo triennio di funzionamento. In aggiunta ad esso, all’Istituto è attribuito, nel primo anno di funzionamento, un fondo iniziale di avviamento dell’importo di 500.000 euro”. In tempi di crisi si può rinunciare a tutto, ma no ad un Istituto per la storia politica italiana. 

di Ignazio Stagno

E noi votiamo e ci facciamo governare da questi partiti falliti.. che oltre a non aver bilanci pubblici trasparenti.. non sono capaci di gestire milioni di euro..pubblici e privati.. essendo i partiti equiparabili ad aziende decotte.
Il taglio dei finanziamenti ai partiti è una
beffa che ci costa 300 milioni
Ai 230 milioni di fondi in vigore fino al 2016 vanno aggiunti
3 milioni per gli spot. Più l’affitto che diventa gratuito
Gabriele Cervi
Blogger senza scopo di lucro

  

  

PER VEDERE ED EVENTUALMENTE PERFIRMARE LA PETIZIONE DIGITA QUI-  PETIZIONE AL PARLAMENTO ITALIANO 

 

 IL PRANZO DELLA CASTA
La Casta vuole altri soldi (da noi), ecco la super fondazione che ci costerà 5 milioni di euroultima modifica: 2013-06-22T21:20:00+00:00da mobbing21
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “La Casta vuole altri soldi (da noi), ecco la super fondazione che ci costerà 5 milioni di euro

  1. e’ difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra proprio che voi sappiate davvero di cosa state parlando! Grazie

I commenti sono chiusi.